Men¨ Principale

L'intervista: il presidente dell'Asd Di. Ve onlus parla del trofeo dedicato ad Arnaldo La BarberaVersione stampabile


immagine sinistra
Gigi Russo, presidente dell'Asd Di. Ve onlus, descrive in maniera amabile il torneo in corso di svolgimento a Venezia dedicato ad Arnaldo La Barbera.  «Il dottor La Barbera – spiega Russo – è stato Capo della Squadra mobile da noi a Venezia, come poi a Roma e a Palermo, e qui abbiamo un grande ricordo di lui. Per questo abbiamo pensato bene di istituire questo torneo». «Pensi – aggiunge subito – venne anche a seguire alcune gare e rimase affascinato da questi ragazzi, che reputava talmente bravi da fargli venire il sospetto, in maniera ironica, che non fossero non vedenti. Il Prefetto La Barbera aveva un modo di fare schietto ed educato e per onorarlo al meglio come madrina della manifestazione abbiamo pensato bene di chiamare in causa la moglie, la dottoressa Angiola La Barbera».
Continua ancora a parlare il presidente Russo: «Il torneo è importante, quest'anno per la prima volta abbiamo avuto il patrocinio del Ministero dell'Interno, insieme agli altri patrocini che abbiamo della Provincia e della Città di Venezia, oltre che del Coni e della Fispic. E abbiamo squadre importanti che partecipano, pensi solo al fatto che in un momento politico e storico e delicato come questo sono presenti fra le altre sia l'Ucraina che la Russia». Ha un sogno il presidente del sodalizio veneziano, quello di poter sensibilizzare atleti importanti non solo nel goalball, ma proprio negli sport per ciechi e ipovedenti: «Qualche anno fa coinvolgemmo Federica Pellegrini, la bendammo e la facemmo giocare. Rimase sbalordita, disse chiaramente che i ragazzi presenti quel giorno erano da ammirare, veri atleti, persone che praticavano lo sport per vera passione. Ecco, mi piacerebbe riuscire a coinvolgere ancora qualche grande atleta». Sport e sociale che si uniscono. «la scelta di praticare questa manifestazione, così come altre in una palestra scolastica e non in qualche palazzetto – spiega ancora Russo – è dettata dal fatto che vogliamo coinvolgere i ragazzi, gli studenti, con progetti legati alla “non violenza”. Solo in questo torneo, ne abbiamo quaranta che collaborano al fianco degli assistenti in campo. E non va dimenticata l'importanza degli arbitri, proprio in questi giorni 19 aspiranti stanno svolgendo gli esami per diventare arbitri».


23/03/2014

FacebookCanale YouTube logoSuperabile InailFondazione terzo pilastro

GALLERIA FOTOGRAFICA

  • Galleria Fotografica

Dona il tuo 5xmille

5xmille

Tesseramento

Accesso WebMail

Per accedere alla WebMail fare click qui.

CIPIpcEpcIBSA
© 2011 - FISPIC

Valid XHTML 1.0 Transitional